RCE Foto






Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'utilizzo dei cookie e confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy.

OK, confermo



Domenico Mancuso
www.juzaphoto.com/p/DomenicoMancuso



avatarConsigli se allestire o meno un sistema foveon.
in Fotocamere, Accessori e Fotoritocco il 11 Marzo 2020, 11:35


Cari amici,
Chi già mi conosce sul forum sa che sono un fotografo amatoriale di formazione analogica. Ancora oggi il 99% delle foto che faccio sono scattate a pellicola (tutti i formati esistenti) con sviluppo e stampa nella mia camera oscura.

Ho pensato spesso ad affiancare qualcosa di digitale ma non è mai scattato un feeling tale da convincermi.
In realtà mi ha sempre stuzzicato l'idea di un sistemino foveon che per la sua resa è molto particolare e ben lontano dal digitale classico.

Ciò che mi ha sempre scoraggiato si riassume in tre punti, in ordine di importanza:
1 il formato (al momento non esiste un full frame o un medio formato foveon)
2 la disponibilità di ottiche perché alcune fotocamere sono a focale fissa e per quelle intercambiabili non c'è molta offerta o possibilità di adattare
3 l'uso di un software dedicato che è parte integrante della creazione dell'immagine e che per uno come me, negato completamente nell'editing, è un problema di cui tener conto.

Sì vociferava di una prossima uscita di una sigma FF foveon che poi è saltata. Per ovviare il primo punto le possibilità sarebbero due: aspettare questa fantomatica FF (che non sarà sicuramente economica e di cui non si sa molto altro) oppure ripiegare sulla SD Quattro H (quanto meno è una APS-H) che si trova nuova a buon mercato, per il punto 2 accontentarsi delle ottiche disponibili e mettere in conto di dover studiare il software in questione.
Terza possibilità, anestetizzare profondamente la scimmia, sperando che si svegli il più tardi possibile!

Accetto commenti e consigli!


186 commenti, 5330 visite - Leggi/Rispondi


avatarPer astrofoto rifrattore o supertele?
in Obiettivi il 15 Gennaio 2020, 12:06


Buon giorno a tutti.
Dopo qualche anno di letargo per vari motivi, sto per riprendere l'attività di astrofotografia.
Uso una fotocamera analogica con pellicole sensibilizzate ai vapori di mercurio a cui affiancherò appena possibile una digitale con sensore modificato.
Il tutto con un telescopio Newton 800 mm f/4 collimato per campo ristretto ed autoguida. Vorrei abbinare qualcosa per il campo medio con focale entro i 400 mm.
Al momento ho disponibile un supertele 200-500 mm ma ho visto che spesso molti astrofotografi usano piccoli rifrattori (es fino a 400-450 mm). Che vantaggio potrei avere rispetto ad un super tele?
Grazie a chi potrà rispondere ;-)


16 commenti, 561 visite - Leggi/Rispondi


avatarAgfa Variopan XL: esperienze di sviluppo
in Fotocamere, Accessori e Fotoritocco il 03 Settembre 2019, 22:31


Salve a tutti.
Non so se questa sia la sezione giusta per parlare di una pellicola ma, non essendoci un richiamo specifico, spero sia la meno sbagliata.
Sono venuto in possesso di alcuni rulli 120 della pellicola in oggetto. Si tratta di una pancromatica molto flessibile, come si intuisce dal nome, con una latitudine di posa tra i 125 ed i 1600 ASA. Quindi, sull'utilizzo ci sono ben pochi dubbi. Quello che però non mi è del tutto chiaro è come trattarla in camera oscura. Nel senso, se ho esposto alcuni fotogrammi ad una certa sensibilità ed altri a sensibilità diverse, come mi comporto?
Vorrei chiedere a chi abbia esperienza in merito, qualche dritta sullo sviluppo.
Grazie a chi potrà aiutarmi!


17 commenti, 261 visite - Leggi/Rispondi


avatarsfida macro tra analogico e digitale
in Tecnica, Composizione e altri temi il 08 Agosto 2019, 14:27


Questa mattina, complice il ritrovamento occasionale in giardino di una bellissima ragnatela con inquilino annesso, ho deciso di fare qualche scatto macro (p.s. Sono in ferie per qualche giorno!). Mi è venuta l'idea balzana di confrontare l'inconfrontabile e cioè due setting molto diversi tra loro:

-Nikon D3 con 105 mm micro f/2.8 VR
-Nikon FM2 con 105 mm Ais f/2.5 equipaggiata con una ektar 100 ASA. Un primo setting con lenti close up Hoya mentre in un secondo setting ho utilizzato un soffietto macro.

La MAF è stata manuale in entrambi i casi, mediante slitta micrometrica. Per ammorbidire le ombre ho usato una microtorcia a led 5500 K.

A breve seguiranno i risultati (entro sabato sviluppero' sia i raw che i rullini). Ma visto che il modello è ancora in posizione, per chi volesse suggerire altre condizioni di scatto, sono ancora in tempo, compatibilmente con la mia attrezzatura obsoleta e con le mie scarse competenze digitali. Per tutti gli altri curiosi, seguite il thread se di vostro interesse!



3 commenti, 244 visite - Leggi/Rispondi


avatarQuanti asa/din/iso usiamo davvero?
in Fotocamere, Accessori e Fotoritocco il 25 Luglio 2019, 20:01


Sono un fotografo analogico (come forse qualcuno avrà avuto modo di capire da altri thread) e normalmente uso pellicole di sensibilità compresa tra 25 e 400 ASA. Rarissimamente ho usato sensibilità di 800-1000. Ed anche per quel poco di digitale che ho fatto, mi sono accorto di aver raramente superato quel limite.
Pensavo fosse per la mia estrazione argentica e dunque di essere una mosca bianca, soprattutto leggendo interventi e recensioni su questo forum che esaltano gli alti ISO, la tenuta al rumore di questa o quella fotocamera con alti ISO e che bollano come preistoriche le fotocamere che non superano i 3200-6400 ISO
Poi mi capita di guardare le statistiche sulle foto pubblicate proprio su questo forum e mi accorgo che:
Le foto oltre i 3200 ISO rappresentano il 2.5% circa.
Le foto oltre i 6400 ISO rappresentano lo 0.5% e se poi spostiamo la soglia ai 12.800 la percentuale si riduce a circa lo 0.1% (calcoli a spanne, senza pretese di correttezza al terzo decimale...).
Ora, mi rendo conto di tutti i bias che affliggono ragionamenti come questo ma, vi pare normale che in tanti ritengano la tenuta ad alti ISO come un fattore fondamentale nella scelta di una fotocamera e poi quasi tutti scattano tra 100 ed 800 ISO?
Cioè, io tengo conto di una caratteristica che mediamente utilizzerò in 2 foto su 100 per acquistare una fotocamera?
A parte specifici contesti di nicchia, servono davvero sensibilità così alte nell'uso quotidiano/amatoriale?
Cosa mi sfugge?


224 commenti, 6239 visite - Leggi/Rispondi




avatarKodak: cambio di guardia. sarà Fuji l'acquirente?
in Fotocamere, Accessori e Fotoritocco il 12 Febbraio 2019, 8:39


Posto qui un articolo secondo cui, da indiscrezioni molto fondate, Alaris, una delle sezioni business della Kodak pare sia in vendita con acquirente ignoto... qualcuno ha ipotizzato Fujifilm tra i potenziali acquirenti.

www.insideimaging.com.au/2019/exclusive-kodak-up-for-sale/

Chi acquista si prenderà carico di circa 2.7 bil $ di debito... cambierà solo il marketing, cambieranno i prezzi, o dobbiamo aspettarci qualcosa di buono in arrivo? Non so se sia un bene o no che ad acquistare Kodak sia uno degli storici competitor...


0 commenti, 61 visite - Leggi/Rispondi


[Evento]Raduno grande formato

Escursione | 01 Marzo 2019 | Vedi Evento


avatarSacca di trasporto per Manfrotto 058b
in Fotocamere, Accessori e Fotoritocco il 01 Dicembre 2018, 6:44


Salve a tutti,
Dopo anni di utilizzo esclusivo in studio, ho deciso di utilizzare il treppiedi Manfrotto 058b con testa 029 a tre vie. Per il trasporto finora ho usato la sacca degli stativi ma è un po' scomoda e non è imbottita. Ho cercato online ma non trovo niente di adatto. Qualcuno sa dirmi se esista una sacca con spallacci adatta a questo cavalletto?

Grazie a chi potrà rispondere


1 commenti, 135 visite - Leggi/Rispondi


avatarfotografia al collodio umido
in Tecnica, Composizione e altri temi il 20 Novembre 2018, 22:52


Dopo un lungo corteggiamento, prove tecniche e sperimentazioni varie, finalmente è scoccata la scintilla con questa meravigliosa tecnica. Oggi i primi risultati di buon livello e... sono soddisfatto. Qualcuno di voi ha sperimentato questa tecnica?


13 commenti, 472 visite - Leggi/Rispondi


avatarLinhof technica IV vs Horseman 970
in Fotocamere, Accessori e Fotoritocco il 01 Novembre 2018, 11:14


Buon giorno a tutti. Un quesito ed un consiglio per chi può aiutarmi a decidere. Solitamente per le uscite paesaggistiche o di architettura uso un Toyo 4'x5' con 90, 150 e 210 mm. Portando dietro anche adeguato cavalletto, chassis, ecc, il carico arriva a superare i 30 kg. Passi quando la méta è a portata di auto o con sentieri comodi ma per le uscite di montagna in cui c'è da arrampicarsi o comunque molto da camminare, cercavo una field camera entro un budget entro i 1000 euro.

Mi sono capitate due occasioni:
1. Linhof Technika IV con 65, 105, 127 e 180 mm, uno chassis 6x9 ed un roller film 6x7
2. Horseman 970 con 65, 105 e 150 mm, chassis 4'x5' e due roller film 6x9

Entrambe hanno un puntamento a telemetro e vetro smerigliato per la messa a fuoco. Entrambe sono in condizioni buone (per l'età) sebbene la Linhof risalga a fine anni 80 mentre la Horseman sia di 10 anni più vecchia. Entrambe stanno nel budget.

La prima ha il vantaggio di un'ottica in più, un minore ingombro e peso e, a detta degli esperti, una maggiore qualità costruttiva ed ottica. I limiti sono il fatto di poter usare solo il medio formato e la mancanza di un vero grandangolare spinto.
La seconda ha il vantaggio di poter usare sia il medio che il grande formato, un eccezionale grandangolare ed un costo relativamente economico (circa 200 caffè in meno dell'altra).

Voi cosa scegliereste?
Grazie a chi vorrà rispondermi.


21 commenti, 1022 visite - Leggi/Rispondi


avatarQualcuno riconosce questa pellicola?
in Tecnica, Composizione e altri temi il 06 Ottobre 2018, 22:15


Buona sera a tutti. Ieri, girando per un mercatino delle pulci, ho trovato una Voigtlander Vitoret con APO Lanthar 50 mm f/2.8 alla mirabolante cifra di 5,99 euro. Ovviamente l'ho comprata al volo. Alla mia domanda sul funzionamento, il venditore mi ha risposto che sì, la macchina è perfettamente funzionante e che all'interno c'era anche un rullino parzialmente esposto. Alla fine ho scattato le ultime 4-5 pose ed ho riavvolto il rullino. Pensavo fosse un normale negativo colore (dunque sviluppo C41) ma in realtà mi trovo di fronte questo.





Sul rullino stesso non era indicata la classica dizione "Process in C41" bensì era indicato un indirizzo di spedizione per lo sviluppo nello Hertfordshire, UK. Mi è venuto il dubbio che non si tratti di qualcosa di diverso da dover sviluppare in maniera alternativa (es, C22?). Qualcuno mi sa dire qualcosa in più?

Grazie!


60 commenti, 3576 visite - Leggi/Rispondi





Foto Personale

prov. Alessandria, 3528 messaggi, 141 foto

  ULTIME 10 FOTO PUBBLICATE 

Invia Messaggio Privato   Aggiungi Amico


Domenico Mancuso ha ricevuto 68525 visite, 670 mi piace

Attrezzatura: Leica M6 TTL, Nikkormat FT2, Olympus OM-1, Contax Aria, Nikon F5, Nikon FM2, Hasselblad 500 C/M, Leica R4S Mod.2, Pentax Spotmatic 500, Mamiya C220, Zeiss Planar T* 80mm f/2 Medium Format, Leica Telyt-R 250mm f/4, Nikon 135mm f/2.8 Ai-S, Leica APO Telyt R 180mm f/3.4, Leitz Super Angulon 21mm f/4, Leica Elmarit-R 35mm f/2.8, Leica Summicron-R 50mm f/2, Leica Elmarit-R 135mm f/2.8, Nikon 105mm f/2.5 Ai-S, Nikon 50mm f/1.4 Ai-s, Zeiss Jena Flektogon 20mm f/4 Zebra, Zeiss Jena Flektogon 35mm f/2.8, Zeiss Planar T* 50mm f/1.4 (C/Y) (Per vedere le statistiche di fotocamere, obiettivi e ISO più utilizzati da Domenico Mancuso, clicca qui)

Occupazione: Medico

“Più che la destinazione, conta il viaggio”
Ho mosso i primi passi fotografici negli anni 80, grazie agli insegnamenti appassionati del nonno. L'avvento del digitale mi ha incuriosito ma, nonostante ne riconosca le potenzialità e la comodità , non è mai scoccata la scintilla. Tornato al primo amore, la fotografia argentica, ho continuato a sperimentare e praticare una fotografia riflessiva, dalla pellicola 35 mm, alle lastre del banco ottico fino alle antiche tecniche fotografiche. La fotografia per me è passione, le immagini devono trasmettere emozioni, a me per primo. La condivisione viene solo dopo, se viene. La mia soddisfazione più grande è quella di rivelare le immagini latenti imprigionate nell'emulsione e scoprire di aver catturato l'essenza dei miei soggetti.
In un mondo che corre dietro ai risultati, subito ed a qualunque costo, mi piace fermarmi e pensare che il vero senso sta nel percorso e non nella méta.


AMICI (48/100)
Giangenti
Filippo Sterpone
Giuliano1955
Franco Santi
Ls83
Markofederici
Alessandro Callea
Salt
Fra1603
Sodium
Anna F
Aurora2017
Matteo Bertolaso
Diebu
Durden
Aliraf
Rupi
PaoloMcmlx
Enricoz
Vafudhr
Albieri Sergio
Peppepontillo80
Lenza93
Roby02091987
Gianfranco1956
Caneca
Danpa76
Joe07294
Bambi's Revenge
MatteoGroppi
Alessiosorce
Pironman
Piro
Check985
Dario Rattieri
Federicoz
Palgiam
Lauragigliotti
MattewX
Valgrassi
SemT
Stefano Perucca
Takumark
Ignobile Olandese
Pierluigi Fogliotti
Skylab59
Lordcasco
Emafal



 ^

JuzaPhoto contiene link affiliati Amazon ed Ebay e riceve un compenso in caso di acquisto attraverso link affiliati.

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me