RCE Foto






Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'utilizzo dei cookie e confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy.

OK, confermo

Radioattività Super Takumar


  1. Forum
  2. »
  3. Obiettivi
  4. » Radioattività Super Takumar





avatarsenior
inviato il 03 Marzo 2017 ore 11:19

Ah beh, nell'enfasi del momento ho pensato si trattasse di raggi del tipo pericoloso, mi tranquillizzo assai.
A sto punto sono più divertito e interessato (paura sparita): mi è piaciuto scoprire questa cosa che non sapevo.
Ho letto che usavano questi materiali per migliorare le caratteristiche ottiche, tipo ridurre l'aberrazione cromatica, vero?

avatarjunior
inviato il 03 Marzo 2017 ore 11:31

Principalmente si, questi materiali utilizzati nella pasta di vetro della lente e/o come antiriflesso agivano sul numero di Abbe quindi proprio sul rapporto tra rifrazione e dispersione cromatica.
Per i trattamenti antiriflesso fu abbastanza in voga l'uso direttamente dell'uranio il quale comunque come U238 emette prevalentemente particelle alfa. (a parte il fatto che è famosissimo il vetro all'uranio che è stato utilizzato per creare articolo in vetro per la casa e la cucina.... ogni tanto ne trovo ancora qualche pezzo nei mercatini delle pulci
it.wikipedia.org/wiki/Vetro_all'uranio giusto come esempio)

avatarsenior
inviato il 03 Marzo 2017 ore 12:52

Io ho perso i miei appunti sulle misure le devo rifare. Con obiettivo montato in camera mi ricordo che avevo stimato massimo 2 mesi di contatto all anno.

per sbiancare le lenti:

youtu.be/3CAaSgK6WsE

avatarsenior
inviato il 03 Marzo 2017 ore 14:17

8 minuti per dire che basta illuminare la lente posteriore con uno specchio sotto con la lampada per 24 ore, ho capito bene?

Ma la tinta gialla è dovuta la trattamento antiriflesso? O invecchiamento?

avatarsenior
inviato il 03 Marzo 2017 ore 14:21

Decadimento radiottovo che.altera la colpraziome dell antiriflesso

avatarsenior
inviato il 03 Marzo 2017 ore 15:15

@Maltsev

Occhio che la pericolosità del materiale radioattivo non è PROPRIO COSI' schematica, semplice e lineare, e non lo è e perché:

- un materiale radioattivo, nella pratica, produce più di una sola radiazione ionizzante: un raggio gamma emesso da una sorgente radioattiva spacca un atomo vicino e magari quello spara una particella Alfa, radioattività indotta, dunque sei in presenza di raggi Alfa e Gamma anche se la sorgente vera radioattiva emette solo Gamma.

- non sono conosciuti bene gli effetti delle radiazioni ionizzanti sul corpo umano.

Tanto per fare un esempio, l'Uranio Spento emette solo raggi Alfa, e ne emetto molto pochi, è un metallo molto peso e duro e dunque viene usato per impieghi dove ci vuole del materiale ad alto peso specifico, tipo bulbi di barche, contrappesi per le ali degli aeroplani, corazze per veicoli da combattimento e proiettili a penetrazione diretta, APDSFS, per bucare le corazze altrui.

L'uso di proiettili ad Uranio Spento, teoricamente innocui, si è molto diffuso.

Bene.

Ma da dove hanno picchiato tonnellate di proiettili a penetratore di Uranio Spento, teoricamente innocuo, c'è sempre venuto un bel casino di malattie, con la sindrome della Guerra del Golfo, la sindrome dei Balcani ed altre amenità: è stato lui?

Io non lo so, e non è mai stato accertato nulla, la risposta è "non si sa".

Dove ci hanno picchiato tonnellate di proiettili ad Uranio Spento c'è venuto fuori del casino, mentre, sempre guerre analoghe, dove NON ci hanno picchiato tonnellate di proiettili di Uranio Spento ( WWII, Corea, Vietnam, etc) quelle sindromi lì non ci sono state.

Quando facevano gli esperimenti con le prime bombe atomiche (Bikini, etc) gli osservatori erano molto vicini, e col passare del tempo, ci sono stati casi di malattie, anche micidiali, e non sappiamo con certezza se legati o meno a quegli esperimenti.

..........che ci faccio con un'ottica radioattiva?

Quelle ottiche lì, tutte, sono nate in anni nei quali NON era noto l'effetto della radioattività sul corpo umano e da quando è aumentata la conoscenza di settore, è vietatissimo produrre vetri radioattivi: meditare sul fatto, perché quello è un fatto.

Uno la tiene, ma a distanza, e la maneggia il meno possibile, non si sa ancora bene che cosa ci combina la radioattività a noi.

avatarsenior
inviato il 03 Marzo 2017 ore 15:50

e con gli orologi vintage come la mettiamo?

orologi.forumfree.it/?t=34917021

e quando fate una radiografia, una tac, una pet, un trattamento radioterapico salvavita?
Avete idea di quante radiazioni assorbite nei casi sopra citati?

Suvvia, non sarà una lente tenuta in un armadio ad uccidervi MrGreen

user105183
avatar
inviato il 03 Marzo 2017 ore 15:59

Per chi come me vive a Milano, dove l'aria è irrespirabile per lo smog, la radioattività del Takumar potrebbe addirittura essere benefica MrGreen

avatarsenior
inviato il 03 Marzo 2017 ore 16:00

Non ho ancora visto il link, ma a quanto ne so il materiale usato per i quadranti bianchi e la luminescenza emette raggi alpha che non oltrepassano il vetro e la cassa

avatarsenior
inviato il 03 Marzo 2017 ore 16:04

Durden, essendo dotato di contatore Geiger-Muller, mi sono divertito negli anni a misurare varie radioattività, come la mia pipì quando assumevo contrasti radioattivi per esami clinici MrGreen

Ti assicuro che molti orologi fanno ticchettare alla grande il contatore.

avatarsenior
inviato il 03 Marzo 2017 ore 16:04

Ben detto ciakmull, alla fine ci sono alcune tazze da water e bidet che emettono molto più del takumar.
MrGreen

avatarjunior
inviato il 03 Marzo 2017 ore 16:11

Alessandro,
sono abbastanza d'accordo con te ma non sto sminuendo il discorso in generale.. sto cercando di presentare le cose in maniera un pò più realistica.

Tu mi parli addirittura degli esperimenti a Bikini e tonnellate di proiettili all'uranio impoverito!! suvvia!! era proprio questo che volevo evitare!

Anche perchè scusa, come giustamente dici l'uranio impoverito per il suo elevatissimo perso specifico viene usato nelle più disparate situazioni della vita di tutti i giorni, in più di un ambito sportivo persino leggo per appesantire le mazze da golf!! ..

Bene. Poi però parli del suo utilizzo "in tonnellate" nei proiettili .. Ecco, non sta scritto da nessuna parte che l'uranio impoverito di per sè non pericoloso non lo sia anche utilizzato in quel modo! Anche perchè il problema non è di per sè stesso, il problema è che i proiettili di uranio impoverito quando penetrano la corazzatura SI VAPORIZZANO ad elevatissime temperature!!

E' questo che provoca i danni pazzeschi alla salute che tu denunci! però come vedi l'hai un pò tirata per i capelli: qua non si fa polverizzare a 3000° la lente posteriore di un Takumar e nemmeno si fanno esperimenti a Bikini facendo esplodere qualche centinaio di Lanthar.. cerchiamo appunto di non esagerare. Per giunta la radioattività di questo materiale è ancora più bassa di quella normale di fondo, il problema è che entra nel circolo dell'acqua, delle piante. del cibo agli animali eccetera, passando inevitabilmente all'uomo che se lo respira anche bellamente date le infinitesime dimensioni..

Dopodichè anche io ho scritto, quando ho parlato delle tipologie di radiazioni emesse quelle che sono "la maggior parte" perchè ripeto, essendo appassionato di queste cose mi ci sono lungamente applicato.

In ultimo, le uniche "radiazioni ionizzanti" delle quali non si conoscono ancora bene gli effetti sono quelle di origine elettromagnetica, al contrario direi che gli effetti invece di tutte le radiazioni da sostanze direttamente radioattive si conoscono eccome.. ci sono miliardi di pagine di agenzie ufficiali di studi e quant'altro direttamente reperibili in rete.

Detto questo, io ho detto come la penso ed ho circostanziato, ad ogni modo prometto che non appena comincerò a perdere i capelli per via di un portachiavi con trizio o mi verrà qualche accidente causato da un Lanthar passerò di quì a darvi ragione Cool ma per ora a 43 anni sto benissimo ed ho persino tutti i capelli. Sorriso

avatarsenior
inviato il 03 Marzo 2017 ore 16:13

@Alessandro Pollastrini: occhio non confondere troppo le cose, ci sono molteplici effetti.

La radioattività è per sua natura molto destabilizzante per le strutture chimiche delicate, come le cellule del nostro corpo ed ancora di più per il dna.
Tuttavia l'uranio impoverito utilizzato nei proiettili, come altri materiali di quei gruppi, ha più effetti tossicologici derivanti dal fatto di essere chimicamente tossico. Ovvero non è la radioattività che causa danni all'organismo, ma la sua vera e propria tossicologicità chimica.
Pensa ad esempio alla spia russa che anni fa fu uccisa a Londra col polonio. Il polonio è un elemento radioattivo, ma la quantità ingerita non era tossica per radioattività ma per incompatibilità chimica con la biologia del corpo umano.
Sotto questo aspetto molti di quei metalli sono tossici e molto dannosi, tanto quanto lo è ad esempio un veleno come l'arsenico o il cianuro, i quali anche essi in quantità sufficiente possono provocare la morte.
L'emivita dell'uranio parla da se sulla sua bassissima radioattività.
Finchè sta fuori dall'organismo non danneggia più di tanto una persona. Discorso diverso per l'U233, il 234 ed il 235 che hanno canali di decadimento più veloci, penetranti ed energetici.

La pericolosità dell'alfa, quando l'elemento provocante viene ingerito o inalato, invece è maggiore in quanto, al contrario di un decadimento beta o gamma, è meno penetrante ma molto più ionizzante, ovvero si ferma prima, probabilmente dentro il corpo, mentre beta e gamma no (pensa alla PET), e prende dove riesce ad arraffare 2 elettroni, lasciandosi invece dietro un nucleo doppiamente negativamente carico.

avatarsenior
inviato il 03 Marzo 2017 ore 16:15

Non ho letto tutto il topic, quindi farò una domanda che potrebbe risultare sciocca, ma le lenti che usiamo abitualmente sono radioattive ?

avatarsenior
inviato il 03 Marzo 2017 ore 16:19

Le particelle beta e gamma sono di interesse e le più nocive, le alfa sono difficili da misurare e discriminare, percorrono piccole distanze, facili da schermare (basta un foglio di carta), pericolose solo se ingerite elementi che le emettono, quindi di scarso interesse per la nostra trattazione.

600 milliREM anno è una soglia di sicurezza (potreste trovare valori diversi).

Misurazione a 2 mm dalla lente posteriore con tappo in plastica = 512 milliREM anno

quindi se già ci tenete il tappo non dovete temere nulla

Godetevi il vostro takumar e dormite sereni che i pericoli sono altri...

Che cosa ne pensi di questo argomento?


Vuoi dire la tua? Per partecipare alla discussione iscriviti a JuzaPhoto, è semplice e gratuito!

Non solo: iscrivendoti potrai creare una tua pagina personale, pubblicare foto, ricevere commenti e sfruttare tutte le funzionalità di JuzaPhoto. Con oltre 193000 iscritti, c'è spazio per tutti, dal principiante al professionista.





04 Giugno 2020

Metti la tua pubblicità
su JuzaPhoto (info)


 ^

JuzaPhoto contiene link affiliati Amazon ed Ebay e riceve un compenso in caso di acquisto attraverso link affiliati.

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me