RCE Foto






Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'utilizzo dei cookie e confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy.

OK, confermo

Pillole di BIF - parte 1: lo storno


  1. Forum
  2. »
  3. Tecnica, Composizione e altri temi
  4. »
  5. Pillole di Birds In Flight
  6. » Pillole di BIF - parte 1: lo storno





user68000
avatar
inviato il 17 Maggio 2019 ore 0:05

Sul mio sito web da traduttore avevo iniziato a scrivere articoli in inglese sul tema BIF (Bird In Fly, uccelli in volo) ma ora che sono entrato in Juza ho pensato di scriverli qui e in italiano che è più semplice

Purtroppo, fin dal liceo l'insegnante di italiano mi spronava sempre ad aumentare il numero di pagine nei temi, ma se riuscivo a farne due e mezza era già un miracolo MrGreen

Non che mi mancassero gli argomenti, è solo che ho sempre preso troppo sul serio il motto "breve, succinto e circonciso" e poiché questa caratteristica non mi ha mai lasciato, ecco che l'idea dell'articolo è sfumata

Dopo averci pensato un po' ho deciso di creare una serie di articoli brevi: "Pillole di BIF"

L'idea è presentare ogni volta 1 soggetto, la foto riuscita meglio (pietà vi prego, cari Senior MrGreen) e poche altre foto che spiegano alcune caratteristiche della specie che possono essere utili e poi descrivere il processo di studio, indagine sul campo, test, ragionamenti ecc. che mi ha portato a poter ottenere lo scatto migliore

Il primo numero di Pillole di BIF riguarda lo Storno ed ecco la foto riuscita meglio





Perché proprio lui?

Secondo me è un uccello sottovalutato perché troppo comune, ma sotto la luce giusta ha un piumaggio incredibilmente bello, ricco di iridescenze

Il nome inglese è "starling" e non ha niente a che vedere con le stelle, ma a me piace pensare che derivi da "star" per via delle punteggiature dorate addominali, e perché per me è una star MrGreen

Inoltre, benché il suo volo sia alquanto rettilineo e prevedibile, può volare molto veloce (80 Km/ora = cioè circa 20 metri al secondo) grazie alle sue ali a freccia, e costituisce pertanto una sfida attraente e un bel test tecnico

Infine, perché a 40 metri da casa mia una coppia di storni nidifica regolarmente da alcuni anni e visto che ora ho un OB di livello, era venuta l'ora di tentare un bello scatto

Partiamo dall'inizio

Da diversi giorni, guardando a binocolo, mi ero accorto che la famiglia aveva un membro in più che stava crescendo bene, a giudicare dal daffare che si davano i genitori a portargli gustosi spuntini





Ieri ho notato che il giovane storno mostrava i tipici segni di un giovane pronto per cavarsela da solo: il comportamento vede il soggetto sulla cima del tetto a strillare in ogni direzione

Non appena vede i genitori (o semplicemente altri storni di passaggio) il soggetto, oltre a strillare più forte, apre il becco e agita le ali nel tentativo disperato di ottenere ancora cibo gratis





I genitori si guardano bene dal dargli cibo, e si limitano a passargli vicino chiamandolo per poi andarsene allo scopo di convincerlo a seguirli e imparare a cacciare e lasciare il nido senza paura, come nella foto che segue (di un altro pargolo meno imbranato)





A volte, per stimolarlo maggiormente, i genitori atterrano vicino o fanno addirittura lo "spirito santo"





Apro una parentesi: lo spirito santo è un'ottima occasione per una BIF facile, purché il soggetto sia rivolto verso di noi e non all'opposto come in questo caso; chiusa parentesi

In tutti i casi, non appena il giovane apre il becco, i genitori partono a razzo lasciandolo con un palmo di becco MrGreen

Ora, per qualche tempo il giovane si è dimostrato un "pargolo" imbranato insistendo a stare ancorato al tetto vicino al nido

Ma oggi, finalmente, vedo che inizia a fare dei brevi voli, sebbene per tornare dopo poco al nido, e così comincio a pensare come ritrarlo

La giornata è ottimale, con sole, cielo blu, aria fresca, lieve brezza e la luce del sole è alle mie spalle

Continuando lo studio a vista e binocolo mi rendo conto che i suoi voletti sono tutti uguali: dal nido a un albero e ritorno; dal nido a un altro albero e ritorno; in tutto due alberi e due voli fissi

Per mia fortuna, uno di questi due voli passa giusto giusto davanti alla mia terrazza e quindi è quello che potrebbe dare frutti

Il volo di andata (da destra a sinistra, circa sud-nord) non è utile perché lo storno partendo dal tetto si abbassa e poi si alza, ma così facendo resta nascosto alla mia vista finché non passa sopra un albero troppo vicino alla mia terrazza e quando emerge è ad appena 1-2 metri da me e non c'è tempo di agganciarlo e scattare

Il ritorno invece è perfetto, ma la questione della prima parte del volo in discesa ci metto un po' a comprenderla e questo mi "brucia" qualche altro passaggio utile

In buona sostanza, quando lo storno esce dalla mia vista penso abbia cambiato giro e abbasso la guardia: proprio nel momento in cui scavalca il tetto della casa di fianco, e posta perpendicolarmente alla mia, e mi passa davanti al naso, acci…

Ma ora sono pronto per il colpaccio: basta aspettare che ripeta il giro giusto

Ovviamente devo aspettare un po' ma poi eccolo che raggiunge l'albero a sinistra; mentre aspetto che parta, faccio prefocus sul tetto del vicino, cioè il punto in cui emergerà

Non appena scende dall'albero punto la macchina e appena sorpassa il tetto inizio a seguirlo con pulsante di scatto a metà, ma senza scattare: perché no?

Da quello che ho capito finora, l'AF fa fatica ad agganciare e tenere a fuoco il soggetto se questo avanza molto veloce verso di me e occupa un parte troppo piccola del campo visivo

Guarda caso, lo storno è piccolo e veloce (80 Km/ora fanno una ventina di metri al secondo), e benché come detto abbia un volo abbastanza rettilineo, dalle prove fatte in precedenza mi ero accorto che qualche piccolo scarto poteva comunque farlo

Quindi, aspetto che diventi abbastanza grande nell'oculare (e intanto si è già spostato di parecchi metri) e poi parte una raffica di una decina di scatti

Impossibile farne di più perché la "finestra" buona con queste velocità di volo è molto stretta

Risultato: una bellissima foto di fronte, con il becco spalancato, ma purtroppo sfocata (sigh) forse perché tra le prime a l'AF (Case 3) non aveva ancora agganciato: la posto lo stesso per far capire la disdetta di vederla sfocata





Poi una bella foto "quasi" di fronte





e infine altre 3 belle foto di fianco di cui metto una qui





Per la prima Pillola di BIF è tutto

Aggiornamento: mi è stato fatto giustamente notare che avrei dovuto sovraesporre un poco per far risaltare meglio il piumaggio ed è vero!

Sono andato a verificare il mio fido C3 (preset della macchina per i volatili scuri) e ho scoperto che lo stop in piu' che di solito c'è non c'era... e mi sono ricordato il perché: purtroppo, qualche giorno prima avevo fatto delle prove con la funzione Auto Lightning Optimizer e poi ho dimenticato di riportare il C3 al default... questo per dire come una distrazione possa rovinare un bel colpaccio

pazienza; ho notato che il pargolo non s'è ancora deciso a lasciare il tetto del tutto; speriamo torni il sole e magari riesco a rifare lo scatto

Alla prossima e buoni storni a tutti



avatarjunior
inviato il 17 Maggio 2019 ore 1:58

Bel racconto!

user68000
avatar
inviato il 17 Maggio 2019 ore 2:28

grazie
i prossimi saranno tutti di questo tipo e spero dello stesso interesse
Sorriso

avatarsenior
inviato il 17 Maggio 2019 ore 12:10

SorrisoSorrisoSorriso

user68000
avatar
inviato il 17 Maggio 2019 ore 17:34

grazie del passaggio Roywolf

avatarsenior
inviato il 17 Maggio 2019 ore 17:45

...ho sempre preso troppo sul serio il motto "breve, succinto e circonciso"...

Beh visto che si parla di uccelli, essere "circonciso" è proprio in tema;-)MrGreen

avatarsenior
inviato il 17 Maggio 2019 ore 17:52

Articolo gradevolissimo, seguirò anche i prossimi.

avatarsupporter
inviato il 17 Maggio 2019 ore 19:14

www.juzaphoto.com/galleria.php?l=it&t=3060584 se posso ti dedico questo storno umano

avatarsupporter
inviato il 17 Maggio 2019 ore 20:12

Apro come hai aperto Tu...ha dei riflessi fantastici!!
Mi piace quest'idea.Chiaramente quà si bada al sodo ma i ns soggetti fanno parte della buona riuscita tanto quanto con il mezzo con il quale l'otteniamo.Non è difficile trovare foto dove non viene nemmeno messo il nome della specie,e in alcuni casi comincio anche a pensare perchè proprio non lo sanno!E quindi trovo giusto parlare anche di loro....
Buona serata Claudio

user68000
avatar
inviato il 17 Maggio 2019 ore 20:39

Beh visto che si parla di uccelli, essere "circonciso" è proprio in tema


hahaha, grazie della battuta e del passaggio Diebu

user68000
avatar
inviato il 17 Maggio 2019 ore 20:41

grazie ad Albi, sperando di fare centro (in tutti i sensi) con la prossima pillola (ne ho già in mente un paio)

user68000
avatar
inviato il 17 Maggio 2019 ore 20:43

storno umano


Sergio Fermi, intendi il fatto che sembra compassionevole, oppure che lo era sul serio?
mi sembra che i corvidi, oltre ad alcuni mammiferi come gli elefanti, abbiano realmente atteggiamenti sorprendenti di fronte alla morte di loro compagni

avatarsupporter
inviato il 17 Maggio 2019 ore 20:45

lo era sul serio,è rimasto li 2 minuti per rianimarlo

user68000
avatar
inviato il 17 Maggio 2019 ore 20:57

grazie del passaggio Giorgio

in effetti, ho conosciuto fotografi di natura che facevano foto splendide ma sbagliavano il nome del soggetto MrGreen

diciamo che le due cose insieme non sono scontate né indispensabili, però imparare il nome significa poter trovare informazioni sulla fisiologia, etologia, ecc., tutte cose che servono poi a scovare i posti migliori per fotografarli

ho avuto la fortuna di frequentare ornitologi e birder che mi hanno insegnato a riconoscere almeno le specie principali, e poi ho sempre a tiro la Guida agli uccelli d'Europa, Nord Africa e Vicino Oriente di L. Svensson che aiuta molto

ma anche la botanica è utilissima per aumentare la possibilità di scovare le specie

mi viene per esempio in mente che i frosoni vanno matti per le noci dell'Olmo campestre it.wikipedia.org/wiki/Ulmus_minor#/media/File:Illustration_Ulmus_carpi mentre i cardellini amano i semini del platano it.wikipedia.org/wiki/Platanus_orientalis#/media/File:Platbuf.JPG

e infatti, due anni fa vicino a me c'era un bell'olmo carico di noci e i frosoni hanno invaso il circondario per una settimana di fila, poi l'olmo è morto e i frosoni sono spariti, sigh

vicino a me c'è una via tutta di platani e guarda caso molti cardellini...

user68000
avatar
inviato il 17 Maggio 2019 ore 21:00

lo era sul serio,è rimasto li 2 minuti per rianimarlo


ecco, vedi?
se ne impara sempre una a parlare con chi condivide gli stessi hobby
forse è un comportamento tipico degli animali gregari

Che cosa ne pensi di questo argomento?


Vuoi dire la tua? Per partecipare alla discussione iscriviti a JuzaPhoto, è semplice e gratuito!

Non solo: iscrivendoti potrai creare una tua pagina personale, pubblicare foto, ricevere commenti e sfruttare tutte le funzionalità di JuzaPhoto. Con oltre 195000 iscritti, c'è spazio per tutti, dal principiante al professionista.





11 Luglio 2020

Metti la tua pubblicità
su JuzaPhoto (info)


 ^

JuzaPhoto contiene link affiliati Amazon ed Ebay e riceve un compenso in caso di acquisto attraverso link affiliati.

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me