RCE Foto






Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'utilizzo dei cookie e confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy.

OK, confermo

come combattete la solitudine?


  1. Forum
  2. »
  3. Blog
  4. » come combattete la solitudine?





avatarsenior
inviato il 21 Novembre 2019 ore 15:09

Vafudhr oh mamma ma allora scendi chiama i vigili e... Fai amicizia!

Mirko.. Capitava anche a me quando ero innamorata! Attento!

avatarsenior
inviato il 21 Novembre 2019 ore 15:15

"E la presenza degli altri che mi fa sentire solo" Eeeek!!!


Una folla non è compagnia, ma solo una galleria di ritratti. - Francesco Bacone. ;-)

Vafudhr oh mamma ma allora scendi chiama i vigili e... Fai amicizia!


Dea onnipotente, anche no... ho tipo tre amici fidati di vecchia data.. sono già troppi e dovrò presto scegliere chi eliminare. MrGreen Altri no...

avatarsenior
inviato il 21 Novembre 2019 ore 15:19

Una folla non è compagnia, ma solo una galleria di ritratti


non erano quadri?! MrGreen sei proprio un fotografo!

avatarsenior
inviato il 21 Novembre 2019 ore 15:24

È quando sei in mezzo alla gente che percepisci la solitudine, sarà perchè siamo animali sociali e cerchiamo naturalmente cmq di fare gruppo coi nostri simili, diversamente se sei anche fisicamente da solo, con nessuno intorno, paradossalmente la solitudine non ti pesa per niente anzi, acquisisci più consapevolezza di te e delle tue capacità, sei padrone di te stesso senza dipendere da nessuno.

avatarsenior
inviato il 21 Novembre 2019 ore 15:24

non erano quadri?! MrGreen sei proprio un fotografo!


L'ho liberamente adattata visto il nostro personale contesto. MrGreen Ho anche lasciato fuori la parte sulle conversazioni... ;-)

avatarsenior
inviato il 21 Novembre 2019 ore 15:58

Su questa affermazione ho qualche dubbio. L'uomo e' un animale sostanzialmente egoista, ed egoismo non fa rima con sociale.

Sociale inteso come essere che vive in società: l'uomo non vive da solo, non è un lupo solitario. ;-)
www.treccani.it/vocabolario/sociale/

Poi nessun uomo è totalmente (al 100%) altruista, come non è totalmente egoista: ci sono diverse percentuali di altruismo in ognuno di noi.
I genitori che aiutano i figli piccoli, i figli che aiutano i genitori anziani bisognosi, chi lascia il posto a sedere ad una persona anziana sul autobus, chi fa volontariato... quello è essere sociale, quello è l'opposto di egoismo. ;-)
Viviamo tutti in città, paesi o borghi, quindi siamo sociali. Anche solo aver bisogno di un medico o di un veterinario è una dimostrazione del fatto che l'uomo sia un animale sociale.

Il solo pensiero di raccogliere la me*da ancora calda di un animale, sia pur con la mano infilata in un sacchetto, mi impedisce anche solo di pensare ad un cane.

TheRealB, anche per i figli è così quando sono neonati, solo una parola... P-A-N-N-O-L-I-N-O. MrGreenEeeek!!!MrGreen
Comunque un cane, ti regala forti emozioni ed è sempre lì pronto a mostrarti affetto ogni volta che torni a casa, che tu sia stressato, triste o felice. ;-) E in cambio ambisce solo all'amore ed all'affetto senza alcun secondo fine, insomma come i veri amici umani. Sorriso

Quello che viene da chiedersi è: si è capaci di accettare la solitudine? Ops questo andrebbe in un altro post!

Darcy, si deve essere capaci di accettare la solitudine, solo così si diventa forti (penso a chi fa una cosa solo se è in un gruppo di amici o conoscenti), questo perché è meglio essere soli che male accompagnati. Però quando si ha la fortuna di trovare le persone giuste è estremamente bello condividere momenti con gli altri: il cuore prova più gioia ed è più felice.
Poi ci sono anche momenti in cui è bello stare da soli, ma è molto difficile stare sempre da soli: alle volte si rischia di soffrire parecchio e di inaridire il proprio animo. Ci vogliono sia la socialità sia la solitudine (intesa anche come momenti per sé stessi) in giuste dosi.
Questa è l'idea che mi sono fatto io. ;-)

avatarsenior
inviato il 21 Novembre 2019 ore 16:08

Gma, se hai figli piccoli puoi parlare con i genitori degli altri figli mentre aspetti fuori da scuola oppure con i genitori di altri bimbi al parco.
Altrimenti se sei in Italia, vuoi che non ci sia qualche juzzino nella tua stessa città/borgo/paese? ;-)
Se invece sei all'estero porta a far stampare delle foto presso qualche negozio e magari inizi a chiacchierare con qualche altro cliente o con il negoziante.

avatarsenior
inviato il 21 Novembre 2019 ore 16:34

McBrandon: ottime parole, un equilibrio tra il bastare a se stessi e la convivialità del vivere in sintonia con gli altri sarebbe la “condizione perfetta”, e bravo chi ci arriva!

Non vorrei aver creato allarmismi: mi reputo una persona serena dopotutto, come è giusto che sia a 30 anni. Ho amici e svariati contatti, sia qui che in giro per il mondo: dopo l'università ci siamo sparpagliati per bene MrGreen

Non credo di potermi definire una persona veramente sola, ma è da quando ne ho 18 che non abito piü nella casa dove sono cresciuto, e nemmeno in italia praticamente: ogni tanto mi chiedo se varrebbe la pena.. semplicemente tornare indietro, smettere di rincorrere qualcosa di astratto, fermarmi. Non avendo mai messo veramente radici da nessuna parte, ogni tanto il pensiero mi sfiora. Sarà colpa delle giornate uggiose, ma se dovessi comprare casa domani.. non saprei veramente dove

E niente, un pensiero tira l'altro, e via di elucubrazioni mentali MrGreen

user170782
avatar
inviato il 21 Novembre 2019 ore 16:49

Sei giovane, hai fatto già molte esperienze all'estero da quel che mi pare di capire, quindi non tornare in Italia .

avatarsenior
inviato il 21 Novembre 2019 ore 17:17

ogni tanto mi chiedo se varrebbe la pena.. semplicemente tornare indietro, smettere di rincorrere qualcosa di astratto, fermarmi. Non avendo mai messo veramente radici da nessuna parte, ogni tanto il pensiero mi sfiora. Sarà colpa delle giornate uggiose, ma se dovessi comprare casa domani.. non saprei veramente dove

Pensare, ragionare, meditare, valutare...tutti sintomi di saggezza e ognuno prima o poi cerca di capire cosa fare e dove vuole andare (anche a vivere), però il punto principale da cui partire è ovviamente il lavoro.
Si può andare a vivere nella città più bella al mondo, ma se trovi grosse difficoltà a trovare lavoro hai dei problemi enormi sopratutto se hai figli.
Scritto questo ognuno fa i propri ragionamenti personali. Dipende anche da cosa sia l'astratto che rincorri e quanto sia fattibile e/o faticoso raggiungerlo: contano le proprie aspettative, la realtà nella quale si vive, le proprie esigenze/priorità e quelle delle persone con cui ci si è creati una famiglia. Sono fattori altamente personali e sui quali non si possono dare consigli. Solo tu puoi sapere cosa vuoi (o vorresti) e cosa sia meglio per te e per i tuoi familiari.

Poi come scrisse qualcuno "E' già l'ora che volge il desio ai naviganti intenerisce il core", nel senso (riadattato) che ci sono atmosfere e sensazioni che ci inducono alla malinconia o a meditare sul percorso della nostra vita, prima o poi capita a tutti: un consiglio, una bella tazza di cioccolata calda (o altro) per coccolarci un po' e ci si sente subito meglio, se i tuoi pensieri sono dovuti a sensazioni momentanee.
Se, invece, sono pensieri ricorrenti che provi da molto tempo e non sai che fare, è tutto un altro discorso: lì forse converrebbe parlarne con familiari ed amici e forse non basta, ma almeno ci si confronta e si sentono i pareri altrui e ciò può in parte schiarirci le idee.

avatarsenior
inviato il 21 Novembre 2019 ore 18:14

ogni tanto mi chiedo se varrebbe la pena.. semplicemente tornare indietro,


Tornare in Italia? per carità! stanne alla larga!

avatarsenior
inviato il 21 Novembre 2019 ore 18:39

Sei giovane, hai fatto già molte esperienze all'estero da quel che mi pare di capire, quindi non tornare in Italia .


però il punto principale da cui partire è ovviamente il lavoro


Tornare in Italia? per carità! stanne alla larga!


questo è un altro aspetto interessante: per rispondere a McBrandon, credo che ognuno abbia i propri mulini a vento, il mio è proprio la realizzazione professionale, probabilmente a discapito d'altro. Ma è veramente così importante il lavoro? non pensate che ci identifichiamo troppo con esso?

Prendendo l'esempio del fotografo con p iva: si spezza la schiena per guadagnare a sufficienza per condurre una vita normale, riuscire a levarsi qualche sfizio ma non esente da preoccupazioni economiche. Niente orari, si fa in 4 per mandare avanti la bottega, ma tutto questo viene compensato dalle soddisfazioni del proprio buon operato.

Non sarebbe più semplice fare foto per i prodotti ikea? gestire i loro cataloghi, foto sui set..sarebbe un lavoro sicuro e costante. probabilmente più remunerativo, con orari tranquilli. è veramente più nobilitante far combaciare il lavoro con la propria realizzazione personale? perchè le soddisfazioni del libero professionista di prima non possono venire dalla fotografia fatta per hobby, o da qualcos'altro?

avatarsenior
inviato il 21 Novembre 2019 ore 19:01

questo è un altro aspetto interessante: per rispondere a McBrandon, credo che ognuno abbia i propri mulini a vento, il mio è proprio la realizzazione professionale, probabilmente a discapito d'altro. Ma è veramente così importante il lavoro? non pensate che ci identifichiamo troppo con esso?

Purtroppo il lavoro è uno degli scogli che frena certe scelte, perché ovviamente è ciò che ti permette di guadagnare i soldi per vivere. Fintanto che devi sfamare solo te stesso è un conto, però quando hai sul groppone moglie e figli le scelte devono essere estremamente ben ponderate ed alle volte si devono fare delle rinunce.
Poi bisogna considerare vari fattori: si lavora con partita iva o come lavoratori dipendenti, se si hanno da parte dei risparmi, se si ha un mutuo da pagare, se si è già affermati nel proprio campo lavorativo, se ci si mette di punto in bianco a voler cambiare totalmente lavoro, se ci si accontenta di fare rinunce per vivere come si vuole, di quanti soldi è necessario disporre per aprire un'attività lavorativa in proprio... sono tantissimi i fattori da considerare.
Non ho scritto nulla di nuovo, ma saprai che in Italia a livello lavorativo la situazione non è delle più rosee... se tu hai già un buon lavoro tienitelo stretto, perché in tanti fanno fatica a trovarne uno. Triste

avatarsenior
inviato il 21 Novembre 2019 ore 19:20

Gma non capisco dove vuoi andare a parare sinceramente.Siamo passati dalla solitudine al lavoro,all'importanza che ha ecc ecc,stai mettendo un sacco di cose al fuoco e tra poco inizieremo a parlare del senso della vita :)
Cos'è che ti turba?
Comunque nel tuo profilo c'è scritto che fai l'architetto,non è un mestiere che ti appassiona e per il quale hai studiato? molto meglio che fare (o cercare di fare) il fotografo che fotografa mobili

avatarsenior
inviato il 21 Novembre 2019 ore 19:30

Certo se è come lui si capiscono molte coseMrGreen


Che cosa ne pensi di questo argomento?


Vuoi dire la tua? Per partecipare alla discussione iscriviti a JuzaPhoto, è semplice e gratuito!

Non solo: iscrivendoti potrai creare una tua pagina personale, pubblicare foto, ricevere commenti e sfruttare tutte le funzionalità di JuzaPhoto. Con oltre 195000 iscritti, c'è spazio per tutti, dal principiante al professionista.





03 Luglio 2020

Metti la tua pubblicità
su JuzaPhoto (info)


 ^

JuzaPhoto contiene link affiliati Amazon ed Ebay e riceve un compenso in caso di acquisto attraverso link affiliati.

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me