RCE Foto






Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'utilizzo dei cookie e confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy.

OK, confermo

Diverse tecniche di scansione


  1. Forum
  2. »
  3. Fotocamere, Accessori e Fotoritocco
  4. » Diverse tecniche di scansione





avatarsenior
inviato il 29 Gennaio 2020 ore 21:08

Buonasera amici,

sono ridotto nuovamente a letto con l'influenza (quest'anno la sto pagando con gli interessi).

Peccato perchè oggi la stampa di 1,20mt dei navigli era pronta e quindi appena starò meglio scenderò sotto casa a prenderla, non vedo l'ora, condividerò con voi il risultato, fotografandola.

Ma ora veniamo alla delicata questione della scansione, su youtube ci sono due fotografi che adoro e che seguo, uno è Thomas Heaton e l'altro è il mitico Nick Carver.

Ebbene, proprio ieri, Nick ha prodotto un video interessantissimo sui metodi di scansione (questo perchè lui fotografa solo a pellicola).

Tre metodi di scansione (Flatbed scan, drum scan, fotocamera digitale) su due tipi di pellicola differenti, una negativa (portra) ed una invertibile (Velvia).

Prendetevi 36 minuti, mettetevi comodi sul divano e vedrete che alla fine del video ne saprete molto di più.

Ho trovato il video ESTREMAMENTE interessante, ringrazio pubblicamente Nick per questa comparativa costosa ed il fatto che la renda disponibile a noi gratuitamente (certo, all'inizio del video chiede un'offerta... ma chiedere è lecito)

Buona visione (ma guardatelo tutto, mi raccomando!!!)



"Method number three, is scanning using a digital cam............."

MrGreen

Un mito!

MrGreen

avatarsenior
inviato il 29 Gennaio 2020 ore 22:09

seguo

avatarsenior
inviato il 29 Gennaio 2020 ore 23:01

@Andrea get well soon!Sorriso

Grazie del link. Interessante. Il formato che digitalizza Nick porta inevitabilmente a considerare un flatbed come un buon compromesso. (Scrivo sempre di quello che ho provato, non mi baso su principi primi per pontificare).

Il titolo doveva essere "Ho una Canon 6D uscita nel 2013, digitalizzo neg/dia panoramici?" A buon senso: no!Cool

La 6D è stata una macchina gloriosa e Canon ne deve avere vendute veramente tante. Nel 2020 si può ancora usarla con grande profitto, ma batterla contro scanner a tamburo e Epson 750 con montatura a fluido è troppo ingeneroso. Eeeek!!!
È come fare gara per attraversare un fiume a nuoto e vedersi accollare una macina da mulinoMrGreen

A rigore oggi un confronto più probante sarebbe con una Sony in modalità Pixel Shift. Nick è vivace e simpatico, ma non mi dà l'impressione che abbia capito molto del digitale. Si vede anche in questo Forum che più uno fa belle fotografie e meno capisce del digitale.;-) (io ci devo azzeccare col digitale, basta osservare le mie foto...MrGreen).
E detto fra noi al limite capire il digitale può essere un ostacolo per l'Arte (per me però il cinema è Arte, la fotografia no).

Invertire un color neg è un'impresa. Nick usa Negative Lab Pro. Non l'ho usato perché costa una fortuna ($99?). Ho ColorPerfect, che mi era costato $80 un quattro anni fa. Il fatto che NLP giri sotto LR dimostra che lo scopo era semplificare la vita al fotografo medio. ColorPerfect è in sé un Holy Grail. Ho il sospetto che i colori li inverta più fedeli, che non vuole dire più gradevoli agli occhi. NLP replica i colori digitali e l'ha capito anche Nick perché lui ai colori è sensibile. Io molto meno.

Come quasi tutti, Nick prende la vacca per le balle e parla di Mpx totali come indicazione di risoluzione, per di più confrontando tecnologie diverse alla radice. Non dice che scansioni a 3200 o 4800 sotto Epson sono lentissime e soprattutto non hanno riscontro con la vera risoluzione. L'eliminazione dei pelucchi e della polvere è rapida sotto PS, non capisco quelli che si lamentano.

Vediamo cosa significa usare una Canon 6D. Ha un sensel da 6.6 µm (banda passante 76 lp/mm). Ha filtro AA che riduce ulteriormente la banda passante. Non è in grado di risolvere obiettivi macro seri. Va bene se la scansione è condotta su neg/dia senza dettagli veramente fini. Altrimenti è destinata a sedersi.

Una Sony A7R delle ultime generazioni butta fuori un Pixel Shift simil-Foveon da 42 o 61 Mpx (i 16 scatti Sony non li ho ancora capiti in termini di risoluzione). Basterebbero 3 o 4 scansioni, con una qualità nettamente superiore. Lo stativo usato da Nick è anni luce più avanti della 6D, tuttavia ha visto anche lui che è un pain-in-the-ass allineare in stitching. Concordo che con quel formato convenga usare un Epson, anche se la montatura a liquido è una scocciatura e la messa a fuoco tutta da vedere.

Se poi uno vuole usare gli Epson flatbed per un semplice 35 mm: good luck!TristeMrGreen

E se l'idea è tirare stampe grandi e guardarle da lontano, allora va bene quasi tutto!;-)


avatarsenior
inviato il 29 Gennaio 2020 ore 23:02

Interessante

avatarsenior
inviato il 29 Gennaio 2020 ore 23:13

Ma sai Val,

il problema più grande che leggo tra le righe del buon Nick è che alla fine si ritrova i colori da canon digitale... questa cosa mi ricorda molto cosa dice Antonio Guarrara quando preferisce le scansioni da scanner piuttosto che da fotocamera.

E non penso che un PS possa porre rimedio a questa cosa.

Secondo me Nick ha fatto un solo errore in questo test, quello di scansionare a 3200 o 4800..... poteva farlo a 6400 ed avrebbe ottenuto il massimo.... a quella densità con SilverFast si ritrova 2600dpi ottici, a densità inferiori, sono meno.

Ma detta tra noi, se guardiamo al risultato, il problema più grande non è il dettaglio restituito, è l'enorme mole di lavoro a cui ci si deve sottoporre per digitalizzare con la fotocamera.

Per poi ottenere alla fine risultati globalmente inferiori.

Ho solo un dubbio da ignorante in materia tecnica: come dice giustamente il buon Nick, alla fine anche lo scanner è una sorta di fotocamera digitale, ha un sensore CCD che legge la luce....

Domanda: Ma lo scanner deve passare anch'esso dalla bayerizzazione? (Che è il vero male delle fotocamere digitali)

PS tutto questo vale ovviamente per negativi di una certa dimensione, sul 35mm un flatbed non va assolutamente bene.


avatarsenior
inviato il 29 Gennaio 2020 ore 23:47

Devo provare la Portra 400 col SilverFast per l'inversione. Vediamo cosa esce fuori. Ricordo che non ero soddisfatto ma probabilmente dovrei "dar retta" a Nick Carver. Alla fine, se non ho capito male, quei colori (quelli che si ottengono col software silverfast) sono quelli che si avvicinano di più alla "vera" resa cromatica di quella determinata pellicola. Alla fine è proprio quello che vorrei ottenere

avatarsupporter
inviato il 29 Gennaio 2020 ore 23:54

Per le mie vecchia DIA su 35mm, ho capito che mi posso accontentare della DSLR in PS, che come lo scanner, non passa per il bayer. ;-)

avatarsenior
inviato il 29 Gennaio 2020 ore 23:56

Otto il problema è la resa cromatica soprattotto l'inversione colore. La nitidezza in più che secondo me c'è nella digitalizzazione con DSLR alla fine, almeno per me, non mi fa superare la delusione per la peggiore resa cromatica.
Inoltre, come ben dice Nick Carver, in stampa le differenze in termini di dettaglio non si notano se non attaccando il naso alla stampa. Quindi per me meglio una resa cromatica "coerente" con la pellicola in uso che una maggiore nitidezza "digitale".

avatarsupporter
inviato il 30 Gennaio 2020 ore 0:03

Da quanto ho visto nelle due scansioni di Velvia che ho fatto, la resa cromatica non mi è affatto dispiaciuta, e sinceramente ancora ne devo vedere una con una resa globale realmente ed apprezzabilmente migliore. Anche diverse che sono passate in queste discussioni erano molto, molto lontane e non ritengo di avere particolari meriti. Ah, credo che anche l'ottica usata giochi un suo ruolo. Non tutti i macro sono uguali.

avatarsenior
inviato il 30 Gennaio 2020 ore 0:14

Otto parlo di negativi non di diapositive. L'inversione colore è il vero problema a mio modo di vedere.
Quel dettaglio in più offerto dalle DSLR personalmente non mi fa impazzire, soprattutto quello che ottenevo con A7rIII. Mi dava appunto il gusto di file digitale proveniente da sensore e non da pellicola.
GIà quello della V1 che ha un sensore anni luce indietro rispetto alla Sony mi piace di più, proprio per la sua resa più "neutrale".
Oltre al fatto che per fare una digitalizzazione con fotocamera alla fine ci vuole più sbattimento.

avatarsupporter
inviato il 30 Gennaio 2020 ore 0:19

Otto il problema è la resa cromatica soprattotto con le invertibili.


Otto parlo di negativi non di diapositive.


Ehm, Antonio...allora non ho capito...le invertibili sono le dia...Eeeek!!!

avatarsenior
inviato il 30 Gennaio 2020 ore 0:20

Si Otto ho sbagliato MrGreen. Ho corretto.

Volevo scrivere "inversione" e non "invertibili".

avatarsenior
inviato il 30 Gennaio 2020 ore 6:21

@Paco non è questione di dettagli. Il ragazzotto ha usato una Velvia 100, il che dimostra che ha idee confuse anche sulle invertibili. Velvia 50. Sempre.
Poni che abbia fotografato anche con Velvia 100 un qualcosa con dettagli fini. Come fa a riprodurlo con una 6D? Il test era molto più credibile se avesse usato un Pixel Shift cioè un quasi-Foveon. Gli scanner sono come le videocamere pro, hanno un sensore per ogni RGB.
Usa Negative Lab Pro e cosa si aspetta? Che sia stato concepito per restituire i colori della pellicola? No, inevitabilmente si accoda ai colori Bayer, per questo dovrebbe usare Pixel Shift. Gianluca Bevacqua da Cosenza metteva a registro lo stitching (ma non con Photoshop) già nel 2012. Insomma, Nick Carver potrà essere un grande fotografo ma temo che il digitale (che apparentemente odia) non lo sappia sfruttare.Sorry
Parlando dei tuoi negativi, mi sembrerebbe un po' insensato che facessi Stitching con la tua A7RII. Però puoi fotografare solo una parte del tuo 6x7 in Pixel Shift e vedere come esce. Rilassati sulla planeità, sarebbe solo una prova.Sorriso
@Antonio
GIà quello della V1 che ha un sensore anni luce indietro rispetto alla Sony
Per essere sinceri è piuttosto il contrario!MrGreen La V1 ha solo 10 Mpx e non ha un NEF non compresso, al massimo ti restituisce 800 valori invece dei 4096 canonici (acquisisce a 12 bit), per di più ha filtro AA. Chiarito questo, il sensel è 3.41 µm, cioè Nyquist a 146 lp/mm. La A7RIII è 4.51 µm con Nyquist a 111 lp/mm. La V1 come capacità di restituire una banda più larga di frequenze spaziali è superiore alla A7RIII. Sei perdonato perché non mi risulta che nel tuo corso di laurea tu abbia potuto assorbire nozioni di strumentisticaMrGreenMrGreen
@Otto
Per le mie vecchia DIA su 35mm, ho capito che mi posso accontentare della DSLR in PS, che come lo scanner, non passa per il bayer.
Non fare lo snob!Cool Lo sai benissimo che con una R4, un APO e Pixel Shift a 16 colpi polverizzi anche l'Imacon-Hasselblad sul 35 mm. E per ora hai usato i LED che non sono il massimo...Eeeek!!!

avatarsenior
inviato il 30 Gennaio 2020 ore 7:22

“Sei perdonato perché non mi risulta che nel tuo corso di laurea tu abbia potuto assorbire nozioni di strumentisticaMrGreenMrGreen”

Me la sono scampata alloraMrGreenMrGreen

Personalmente la digitalizzazione con A7rIII non mi ha mai convinto del tutto. Certamente mi offriva il maggior dettaglio.
Però col pixel shift, bella modalità d'uso in alcuni casi, bisognava poi mortificare il tutto passando dal pessimo software Sony.
Il giorno in cui Sony darà direttamente un dng da dare in pasto a cr o C1 farò festaMrGreen

avatarsenior
inviato il 30 Gennaio 2020 ore 8:46

seguo

Che cosa ne pensi di questo argomento?


Vuoi dire la tua? Per partecipare alla discussione iscriviti a JuzaPhoto, è semplice e gratuito!

Non solo: iscrivendoti potrai creare una tua pagina personale, pubblicare foto, ricevere commenti e sfruttare tutte le funzionalità di JuzaPhoto. Con oltre 188000 iscritti, c'è spazio per tutti, dal principiante al professionista.





17 Febbraio 2020

Metti la tua pubblicità
su JuzaPhoto (info)


 ^

JuzaPhoto contiene link affiliati Amazon ed Ebay e riceve un compenso in caso di acquisto attraverso link affiliati.

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me