RCE Foto






Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'utilizzo dei cookie e confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy.

OK, confermo

Intervista Toscani + Benedusi


  1. Forum
  2. »
  3. Tecnica, Composizione e altri temi
  4. » Intervista Toscani + Benedusi





avatarsenior
inviato il 30 Marzo 2020 ore 14:13

La differenza non è tra Ronaldo e il giocatore di serie c, ma tra il giocatore con ingaggio e chi fa la partita scapoli contro ammogliati.

avatarsenior
inviato il 30 Marzo 2020 ore 14:24

ho visto ieri l'intervista secondo me offre spunti validi ed interessanti soprattutto quando cerca di sottolineare l'importanza dell'atto artistico-socioculturale che deve essere presente nella fotografia, ma soffre di due aspetti:

1) un leggero anacronismo, un tempo si identificava il saper fare con l'essere pagati per farlo, questo approccio è superato dal confrontarsi invece sulla capacità di un prodotto del nostro operato nel dare delle risposte ad un bisogno che nell'ambito artistico deve riguardare sia il senso che il significato; se una persona con una fotocamera trasmette contenuti (pensieri, cultura, documentazione), rispondendo ad una necessità anche non del tutto palesata (il committente può anche essere una parte della società civile che vuole conoscere un tema) con una forma in grado di raggiungere uno o più destinatari di fatto siamo di fronte ad un fotografo; non dimentichiamo che molti, anche tra i grandi autori prima fotografano e poi si pongono il problema di cercare di pubblicarlo. Il problema è che oggi produciamo troppe foto che non hanno nulla o molto poco da raccontare.
Teniamo presente anche che come detto sopra oggi viviamo in un mercato dove la valorizzazione di una prestazione professionale o anche artistica segue logiche molto diverse dal passato.

2) Tutta l'intervista nasce, credo, dalla critica al libro di Lindsay Adler "La guida definitiva alla posa fotografica. Tecniche e trucchi per valorizzare ogni soggetto.", personalmente lo possiedo e lo trovo utile come libro di "grammatica" fotografica in quanto aiuta a capire come la posa del soggetto anche nei particolari influenzi la comunicazione, poi l'autrice, che non è per niente una sprovveduta, si pone in modo abbastanza umile e secondo me non sarebbe neppure in disaccordo con Toscani e Benedusi, solo che loro indirettamente massacrano il suo libro. Il libro non si pone di certo di far diventare "fotografi" ma curare la comunicazione delle pose proprio come il consiglio che da Toscani a Bertolasi ad inizio intervista.

PS: personalmente credo che addirittura alcuni scatti della Adler siano molto influenzati dallo stile di Toscani.

avatarsenior
inviato il 30 Marzo 2020 ore 14:33

Si fa finta di non capire
La differenza è tra fotografo professionista e fotografo non professionista
Sempre fotografo è
E questo tipo di separazione c'è in ogni ambito artistico e affine (calcio come scritto)
Diverso se si parla di altro dove è richiesto un titolo di studio e infatti non ci si può additare ingegnere, medico, avvocato visto che è reato
Purtroppo le puntualizzazioni nell'ambito artistico derivano proprio da chi probabilmente ha dei complessi di inferiorità o reputa di non avere il giusto e meritato riconoscimento quale faro della disciplina, ma come giustamente ha scritto un forumista sopra, Cristiano Ronaldo si giustifica, lo vedi giocare e ti alzi il cappello

avatarsenior
inviato il 30 Marzo 2020 ore 14:38

Diebu, Ronaldo è un calciatore e lo è anche il ragazzetto che gioca in serie C, Ronaldo non ha necessità di puntualizzare la differenza, le persone insicure si.

Non potrei essere più d'accordo.

I calciatori di serie B sono calcianti di professione, però.

Gli esempi dei calciatori erano volti a dire che esistono vari livelli di professionisti, anche i miei amici che giocano nella squadretta del paese (le varie "serie minori" e "meno che minori") vengono pagati, poco ma vengono pagati, quindi sono dei calciatori; riallacciandomi a questo chiedevo: uno che vende qualche foto secondo la concezione dei due guru può quindi fregiarsi del titolo di fotografo? Naturalmente sarà un "fotografo di serie Z" (come il ragazzotto che gioca nella squadra del paese ma è pagato è un "calciatore di serie Z") mentre i due guru saranno i Ronaldo della situazione ma questo povero sfigato di fotoamatore che vende 10 foto l'anno a 2-300 l'una (o qualunque altra cifra) può attaccarsi la medaglia di fotografo?

avatarsenior
inviato il 30 Marzo 2020 ore 14:44

@Simgen per me sei influenzato un po'dalla nostra cultura nazionale che è centrata sui titoli, ci sono paesi del mondo dove se dimostri di eccellere in una disciplina puoi insegnarla all'università,qui in Italia se hai il Nobel ma non il dottorato ti scartano al concorso...se fosse per me toglierei il valore legale ai titoli di studio.
Semmai la questione importante è distinguere il riconoscimento del lavoro fotografico dai meri likes da social che hanno valore solo come relazioni tra persone e non rispetto al prodotto ed al suo valore artistico.

avatarsupporter
inviato il 30 Marzo 2020 ore 14:48

Fran, la cosa è vera anche nel senso inverso allora.
Chi non ha problemi di autovalutazione non si risente nel sentir definire fotografo un fotoamatore.
Se nell'ambito di un discorso qui sul forum mi viene da segnalare un altro utente, io scrivo senza problemi "guardate le gallerie (o il sito) di tizio caio, eccellente fotografo secondo me"
Mica sto lì a verificare se abbia mai avuto un committente, venduto le sue foto o altro, per me è un fotografo.
O davvero pensate che dovrei scrivere "guardate le gallerie di tizio caio, eccellente appassionato di fotografia dotato di fotocamera che si diverte a fare foto"?

avatarsupporter
inviato il 30 Marzo 2020 ore 14:51

Cosciente di essere sempre stato un fotoamatore, anche se 2-3 foto me le hanno pubblicate.
Ma non capisco perche' si incazzano cosi tanto con gente che fa foto e ottiene visualizzazioni su internet, Internet non e' la giungla dove corrono i leoni come loro.
Non sara' forse che, li fuori la giungla ha poco cibo a disposizione? E loro oggi si rendono conto che il futuro e' in rete e loro lo hanno sottovalutato?
Ora pero', non credo che s×ndo chi sul web, nel bene o nel male, si e' creato una visibilita' questi si facciano da parte per far largo a loro.
Hanno valutato male quello che stava succedendo e ora vogliono rincorrere?
Allora se cosi stanno sbagliando i modi.
Devono stare attenti: i magazine non si vendono piu' e la gente commissiona sempre di meno lavori di fotografia, se non cambiano i toni e i modi, non credo faranno una bella fine.

avatarsenior
inviato il 30 Marzo 2020 ore 14:53

Guardate che io veramente non mi capacito dell'inettitudine di alcune persone, ma veramente Toscani (che ha fatto la storia della fotografia pubblicitaria moderna) ha necessità di prendere le distanze da un tizio che fa foto la domenica agli uccelletti? È chiaro a tutti che a livello umano sia un d emente, ma a livello professionale non pensavo che arrivasse a umiliarsi così tanto.

avatarsenior
inviato il 30 Marzo 2020 ore 14:54

Esatto. Io fotografo per lavoro, ma ci sono fotoamatori che mi spaccano in due, e non li reputo meno fotografi del sottoscritto, anzi. Qui mi sembra di fare le pulci sui termini e non sui contenuti. Non ho visto l'intervista perché ambedue non mi sono particolarmente simpatici, ora mi avete incuriosito.

avatarsenior
inviato il 30 Marzo 2020 ore 14:57

Ma Toscani ha 78 anni, non credo che sia spaventato dai giovani sul web.

avatarsupporter
inviato il 30 Marzo 2020 ore 14:58

a livello professionale non pensavo che arrivasse a umiliarsi così tanto.

Sono alla canna del gas, ricordate la collana di Toscani in edicola? Ai tempi d'oro avrebbe dato una testata a chi glielo avesse proposto.

avatarsenior
inviato il 30 Marzo 2020 ore 14:58

@Lookaloopy penso di sì,chi risponde con i suoi scatti al bisogno di qualcuno nel guardarli per me è fotografo, però quegli scatti devono aggiungere qualcosa in termini di contenuto ed esperienza. Io personalmente non mi sento fotografo perché conosco bene l'attrezzatura ma sono privo di capacità nel trasmettere contenuti.

avatarsupporter
inviato il 30 Marzo 2020 ore 14:59

Arci, non sono così miopi, da tempo più che i fotografi fanno i provocatori...

avatarsupporter
inviato il 30 Marzo 2020 ore 15:00

Questo e' vero....li pagheranno per fare gli "Sgarbi" della fotografia
Io comunque ho fatto 2 esami di Analisi Matematica e tanti altri esami tecnici.....MrGreen
Sto ascoltando l'intervista;-), ma Benedusi non parla? Annuisce solo? S'e portato dietro il pappagalloMrGreen

avatarsenior
inviato il 30 Marzo 2020 ore 15:01

Sgarbi, uno che vorrei avere 5 minuti con me, chiuso in una stanza MrGreen


04 Giugno 2020

Metti la tua pubblicità
su JuzaPhoto (info)


 ^

JuzaPhoto contiene link affiliati Amazon ed Ebay e riceve un compenso in caso di acquisto attraverso link affiliati.

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me