RCE Foto






Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'utilizzo dei cookie e confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy.

OK, confermo

Testi di fotografia da leggere..consigli


  1. Forum
  2. »
  3. Tecnica, Composizione e altri temi
  4. » Testi di fotografia da leggere..consigli





avatarsenior
inviato il 06 Aprile 2020 ore 18:51

https://www.amazon.it/dp/8806237004/ref=cm_sw_r_apa_i_j41IEbKZR7DMD

avatarsenior
inviato il 06 Aprile 2020 ore 19:10

Libro molto interessante.

avatarjunior
inviato il 07 Aprile 2020 ore 0:36


La "post-fotografia"... , un grande testo, quello di Joan Fontcuberta, indicato da Matteo Groppi.

Un pregevole lavoro di sociologia della comunicazione con ineludibili implicazioni sui piani Estetico, Etico, politico e filosofico ...

Un lavoro serio, di ricerca storica e teorica, l'autore del resto...

Un'opera che da sola meriterebbe un thread di serrata discussione e confronto sull'attualitá del valore delle immagini ...



"Decalogo Post-fotografico" * [ Pag.37 ]

1. Sul ruolo dell'artista: non si tratta piú di produrre opere, quanto di creare situazioni che prescrivano un senso.

2. Sull'attività dell'artista: l'artista si fonde con il curatore, il collezionista, il docente, lo storico e il teorico… tutti questi aspetti sono camaleonticamente autoriali.

3. Sulla responsabilità dell'artista: s'impone un'ecologia del visibile che penalizzerà la saturazione a favore del riciclo d'immagini.

4. Sulla funzione delle immagini: la circolazione dell'immagine prevale sul suo contenuto.

5. Sulla filosofia dell'arte: i discorsi sull'originalità sono delegittimati e divengono consuete le pratiche di appropriazione

6. Nella dialettica del soggetto: l'autore si mimetizza o si disperde in una nuvola condivisa.
Nascono modelli alternativi di autorialità: coautorialità, creazione collaborativa, interattività, strategie d'anonimato, lavori senza una paternità specifica.

7. Sulla dialettica sociale: superamento delle tensioni fra pubblico e privato.
L'intimità diventa una reliquia.

8. Sull'orizzonte dell'arte: si darà piú spazio agli aspetti ludici a spese dell'anedonia (il solenne + il noioso) nella quale è solita rifugiarsi l'arte dominante.

9. Sull'esperienza dell'arte: saranno privilegiate pratiche creative che abituano a rinunciare alla proprietà: condividere è meglio che possedere.

10. Sulla politica dell'arte: non arrendersi né al glamour né alle logiche commerciali per muoversi verso un attivismo che scuota le coscienze.

[in nota:

Por un manifiesto postfotográfico, in «Cultura/s», settimanale del giornale «La Vanguardia», Barcellona, 11 maggio 2011.]

*****

" [ ... ] concentriamoci sull'umanesimo digitale, formulato fra gli altri da Milad Doueihi, che si oppone alle teorie sulla singolarità di teorici come Eliezer Yudkowsky e Ray Kurzweil.
I suoi postulati affermano che la tecnologia digitale, nella sua dimensione globale, va oltre l'ambito della tecnica e diventa una cultura: una cultura che inaugura una nuova civilizzazione e che si caratterizza, a differenza degli umanesimi 'aristocratici' che ci hanno preceduto, per la tendenza allo scambio di tutte le conoscenze.
La sua essenza risiede prima di tutto nella condivisione e questa idea di ripartizione riguarda inevitabilmente il sociale e il politico.
Il digitale inaugura un nuovo spazio fra reale e virtuale, fra il concreto e l'immaginario, e in questo spazio ibrido s'installa un nuovo modo di creare comunità. [...] Se c'è un modo in cui la cultura digitale trasforma l'essere umano, questo avviene essenzialmente nella misura in cui condiziona le nostre relazioni con la memoria, facendoci credere che la memoria equivalga al semplice accesso alle informazioni o a una forma di disponibilità dei dati. L'esperienza del passato però dipende sempre dalla prospettiva dalla quale è interpretata, cioè da un'interfaccia che non è mai neutra e nemmeno innocente.
Perché questa interfaccia sia efficiente, dobbiamo essere dotati della capacità di dimenticare, e le macchine non dimenticano: sono capaci solo di cancellare.
Per innovare ed evolversi, per vedere il mondo in maniera differente, bisogna poter e saper dimenticare.
La capacità di dimenticare è quindi una premessa necessaria per l'umanesimo digitale, forse in sintonia con l'indifferenza che la postfotografia mostra verso la funzione mnemotecnica e il compito di ricordare. Se la prima rivoluzione digitale è avvenuta portando con sé il discredito di un certo regime di verità, con la seconda è stato il turno della memoria. In questa prospettiva, ancora disorientati dalla dissoluzione della verità e della memoria, dobbiamo dire grazie a selfie come quelli del macaco di Slater che ci aiutano a capire la postfotografia come pratica che si impadronisce dell'immaginario dominato dalla propaganda, dall'industria dei media e dal consumo. [...] "

[excerpt dal capitolo settimo : "La postfotografia spiegata alle scimmie", paragrafo III : "L'umanesimo come antidoto", pp.74-76]

***************

L' autore dell'opera intervistato da Artribune :

Teoria e pratica della fotografia. Intervista con Joan Fontcuberta

www.artribune.com/arti-visive/fotografia/2019/06/intervista-joan-fontc

Cordialmente,

Ben-G



avatarsenior
inviato il 07 Aprile 2020 ore 8:25

Sull'attività dell'artista: l'artista si fonde con il curatore, il collezionista, il docente, lo storico e il teorico… tutti questi aspetti sono camaleonticamente autoriali

il problema è che oggi tutti questi sono a loro volta fusi con il banchiere

avatarjunior
inviato il 10 Aprile 2020 ore 1:02


cdn.shopify.com/s/files/1/0035/7439/9040/files/Per_strada_Guido_Guidi_


mackbooks.co.uk/products/per-strada


“E' un modo di inchinarsi di fronte alle cose.

E' questo l'aspetto religioso, una sorta di rispetto

per le cose – per il filo d'erba – e la volontà

di volerle restituire per mezzo di una fotografia precisa,

dove l'esecuzione del dettaglio è perfetta,

assoluta, con assenza di grana.

La fotografia deve essere assoluta, trasparente

e non può essere corretta

o riveduta successivamente.

Come dice Didi-Huberman per gli antichi pittori

del 1400, l'atto di imitare o di copiare la natura

è in se stesso un atto di devozione.

Non necessariamente un atto di maestria

o virtuosità tecnica ma un atto di devozione

verso le cose, “le cose che sono nulla”

diceva Pasolini. “


Guido Guidi


avatarsenior
inviato il 13 Aprile 2020 ore 14:08

Visto che si è parlato di post fotografia facciamo un accenno anche all'ante fotografia:
[url=https://postimages.org/]


Peter Galassi, "Prima della fotografia" Bollati Boringhieri, fuori edizione, in biblioteca probabilmente si trova

Che cosa ne pensi di questo argomento?


Vuoi dire la tua? Per partecipare alla discussione iscriviti a JuzaPhoto, è semplice e gratuito!

Non solo: iscrivendoti potrai creare una tua pagina personale, pubblicare foto, ricevere commenti e sfruttare tutte le funzionalità di JuzaPhoto. Con oltre 195000 iscritti, c'è spazio per tutti, dal principiante al professionista.





10 Luglio 2020

Metti la tua pubblicità
su JuzaPhoto (info)


 ^

JuzaPhoto contiene link affiliati Amazon ed Ebay e riceve un compenso in caso di acquisto attraverso link affiliati.

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me